Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Italia-Zambia: l'Ambasciatore Maggiore a "Nova", Paese dalle "grandi potenzialità”.

Data:

03/10/2019


Italia-Zambia: l'Ambasciatore Maggiore a

Roma, 02 ott - (Nova): L'Italia e' da sempre molto presente in Zambia, paese che presenta "grandi potenzialita'" che vanno approfondite soprattutto intensificando le relazioni economiche, commerciali e culturali. E' quanto ha dichiarato il nuovo ambasciatore d'Italia a Lusaka, Antonino Maggiore, che domani, 3 ottobre, presentera' le sue credenziali al presidente Edgar Lungu. Alla vigilia del suo insediamento ufficiale, il diplomatico ha voluto illustrare ad "Agenzia Nova" le sue linee guida per rafforzare la collaborazione tra Italia e Zambia, a partire da alcuni settori quali energia, agricoltura ed infrastrutture, ma anche cultura, formazione e arte. "L'Italia e' da sempre molto presente nella storia dello Zambia fin dalla sua indipendenza, avvenuta nel 1964, quando eravamo gia' presenti con una comunita' numerosa di circa 4 mila persone, strettamente attive e coinvolte nella vita del paese fin dall'inizio, tanto da far parlare il 'Financial Times' di 'invasione italiana' in Zambia", ha ricordato Maggiore.

 Oggi "abbiamo una comunità più piccola (circa 700 persone) ma ugualmente attiva, la cui presenza è molto apprezzata. Tale legame storico puo' fungere da base per rafforzare le relazioni bilaterali in tutti i settori, in particolare in quello economico che off re ottime potenzialità con un interscambio di circa 70 milioni di euro: una cifra non altissima ma comunque significativa se si considera che in ambito Ue siamo il terzo paese importatore e il sesto esportatore", ha affermato l'ambasciatore, sottolineando la necessità di "fare un lavoro significativo sull'export" per intensificare le relazioni commerciali. L'attenzione del neo-ambasciatore italiano si è poi soffermata sulla presenza significativa delle aziende nel paese africano. "Enel ha effettuato un investimento significativo realizzando un impianto (solare fotovoltaico) da 34 megawatt, che rappresenta il punto di inizio della presenza di Enel Green Power nel paese e costituisce la dimostrazione di quello che le aziende italiane possono fare e del ruolo di primo piano che possono svolgere, in particolare nei settori dell'energia, dell'agricoltura e delle infrastrutture, che rappresentano tre ambiti prioritari per noi".

A tale proposito, ha poi proseguito Maggiore, l'ambasciata italiana a Lusaka intende organizzare un workshop sulle energie rinnovabili entro la fine dell'anno e uno sull'agricoltura ad aprile 2020, a margine della Fiera Agritech (la fiera dedicata ai macchinari e tecnologie per l'agricoltura), "dove le aziende italiane potranno giocare un ruolo di rilievo poiché dispongono della tecnologia e del 'know how' molto richiesti in Zambia. Possiamo inoltre sfruttare le opportunità che emergono dai programmi delle organizzazioni internazionali (Banca mondiale, banca africana di sviluppo e Ue), e sono stati avviati dei progetti di finanziamento delle aziende europee in questi ambiti", ha aggiunto l'ambasciatore. Quanto al settore culturale, lo Zambia rappresenta un caso di "best practice" grazie alla presenza del Centro culturale italo-zambiano, "un vero e proprio centro culturale italiano realizzato dall'associazione della comunità italiana, che già gestisce privatamente la scuola italiana (che attualmente conta oltre 400 studenti) e che quindi, con i profitti ottenuti, ha deciso di investire finanziariamente nella realizzazione del Centro. Quest'ultimo costituisce un 'unicum' qui a Lusaka, e saremo l'unico paese ad avere una struttura dedicata alla promozione di eventi per il pubblico zambiano e internazionale".

Il Centro rappresenta "uno strumento di promozione del Sistema paese di cui l'ambasciata si potrà avvalere, oltre che un ottimo esempio di collaborazione fra pubblico e privato, e (tramite la scuola italiana) ospita anche dei corsi di lingua italiana del Comitato Dante Alighieri", ha ricordato l'ambasciatore, che ha poi evidenziato il ruolo di grande importanza di 12 organizzazioni non governative (Ong) italiane presenti nel paese, "che svolgono un'ottima attività di cooperazione in ambito sanitario, della formazione, dell'aiuto alle donne e ai bambini". Maggiore ha infine annunciato l'intenzione di organizzare, in collaborazione con l'Agenzia Ice e con la Farnesina, una "country presentation" in Italia al fine di "presentare le opportunità sullo Zambia agli imprenditori". "L'Africa - ha concluso l'ambasciatore - è una delle priorità del governo italiano e, in quanto tale, lo è anche anche in termini di opportunità per le aziende italiane".


413